5. Quokka

Standard

the-quokka

Il quokka (Setonix brachyurus), unico membro del genere Setonix, è un piccolo Macropodide delle dimensioni di un grosso gatto domestico. Come altri marsupiali della famiglia dei Macropodidi (come i canguri e le wallabie), è erbivoro e generalmente notturno.

Pesa tra i 2,5 e i 5 kg, è lungo tra i 40 e i 54 cm ed ha una coda – piuttosto corta per un Macropodide – di 25-30 cm. Ha struttura tozza, orecchie arrotondate ed una testa corta e larga. Nonostante somigli moltissimo ad un piccolo e goffo canguro, è in grado di arrampicarsi su piccoli alberi e arbusti. Il mantello è di color bruno brizzolato, ma sul ventre si fa sempre più marroncino. Il quokka ricicla una piccola quantità dei suoi prodotti di scarto.

Il quokka è gregario e nelle zone dove il cibo è maggiormente disponibile vive in gruppi numerosi; si nutre principalmente di graminacee,carici, succulente e fogliame. La salute di alcuni esemplari è stata messa a repentaglio in seguito all’ingestione di cibi inappropriati, come il pane, offerti sull’Isola di Rottnest da visitatori ben intenzionati. Proprio per questo motivo è attualmente vietato dare da mangiare a questi animali. Sul continente il quokka può riprodursi in ogni periodo dell’anno, ma su Rottnest solamente verso la fine dell’estate. Ogni anno dà alla luce un unico piccolo. Il fattore che sembra limitare di più la capacità del quokka di riprodursi su Rottnest è la scarsa disponibilità del rame negli alimenti. I movimenti del quokka sono simili a quelli del canguro e comprendono una serie di balzi grandi e piccoli.

I quokka non sono affatto intimoriti dagli esseri umani, anzi, spesso sono proprio loro ad andare incontro all’uomo, soprattutto sull’Isola di Rottnest. Tuttavia su quest’isola è illegale maneggiarli in qualunque maniera. Se il divieto non viene rispettato, le autorità infliggono una multa di 100 dollari australiani (circa 70 euro) al trasgressore. Le ammende possono raggiungere un massimo di 1000 dollari. Misure così rigide, però, vengono applicate solo se l’animale viene ferito o uccisoIl quokka è uno dei primi mammiferi australiani ad essere stati visti dagli europei. Il marinaio olandese Samuel Volckertzoon scrisse di aver avvistato «un gatto selvatico» sull’Isola di Rottnest nel 1658. Nel 1696 Willem de Vlamingh scambiò questo animale per un ratto e battezzò l’isola «Rottenest», «nido di ratti» in olandese.

Spopola negli ultimi anni la tendenza a fare selfie (stando bene attenti a non toccarli!) con questi teneri, vivaci e sorridenti animaletti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...